«Abbiamo fatto germinare le nostre idee per imparare a sopravvivere in mezzo a tanta fame, per difenderci da tanto scandalo e dagli attacchi, per organizzarci in mezzo a tanta confusione, per rincuorarci nonostante la profonda tristezza.
E per sognare oltre tanta disperazione.»


Da un calendario inca degli inizi della Conquista dell'America.
  • slide01.jpg
  • slide02.jpg
  • slide03.jpg
  • slide04.jpg
  • slide05.jpg

Prossimo incontro


primolunedìdelmese
Anno XX - Incontro n. 154

6 Novembre 2017 - ore 20:30

presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza
Parcheggio adiacente. Le persone disabili sono pregate di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per le indicazioni del caso.
Si raccomanda puntualità!

 Verso una difesa comune europea?
Il ruolo dell'Italia

Nella prospettiva di una maggiore integrazione europea, la questione della difesa comune rappresenta un nodo ineludibile. Del resto, la minaccia terroristica "globale", i conflitti militari e le tensioni sociali e politiche che si sviluppano alle porte del Vecchio Continente, dovrebbero spingere ad un ripensamento strategico delle politiche di sicurezza. Quali scenari si intravedono? Quali sono gli orientamenti dei principali Paesi europei, Francia e Germania in testa? E come sta cambiando la politica di difesa italiana?

Ne parliamo con

Fabrizio Coticchia
ricercatore del Dipartimento di Scienze Politiche all'Università di Genova,
tra gli autori del blog Venus in arms

Nuovo canale Youtube

Inauguriamo il nuovo canale Youtube del primolunedìdelmese con questa intervista a Monica Di Sisto, giornalista, vicepresidente di FairWatch e coordinatrice della campagna Stop TTIP Italia, realizzata il 2 Ottobre 2017, a Vicenza.

Con lei abbiamo fatto il punto sugli accordi di libero commercio CETA - Comprehensive Economic and Trade Agreement: Accordo Economico e Commerciale Globale, fra Canada ed Unione Europea - e TTIP - Transatlantic Trade and Investment Partnership: Partenariato Atlantico sul Commercio e gli Investimenti, fra Stati Uniti ed Unione Europea -.

Le abbiamo posto alcune domande in tal senso; qui le sue risposte.

Un grazie particolare per la collaborazione ad Anna e Massimo Bellanda.

Locandine promemoria 2017

Anno XX - Incontro n. 153 Lunedì 2 Ottobre 2017, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Libero commercio: con il TTIP in stand-by, ecco il CETA
Cosa prevede il Comprehensive Economic and Trade Agreement, cioè l'Accordo Economico e Commerciale Globale fra Canada ed Unione Europea? Con quali conseguenze per il made in Italy, in particolare agroalimentare, per il lavoro e i diritti sociali, per la qualità della vita?

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa - Terra Promessa; Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XX - Incontro n. 152 (STRAORDINARIO)Lunedì 18 Settembre 2017, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Le (e)lezioni di Padova, la sfida per Vicenza
Perché "straordinario"? Perché non siamo soliti tenere il pldm in Settembre; perdipiù, nel terzo Lunedì del mese; ma, soprattutto, per l'urgenza (a nostro avviso) della riflessione proposta.
«La prossima volta non vado a votare», dice un nostro amico, solito partecipare ai nostri incontri. E non si riferisce (tanto e solo) al discusso referendum sull'autonomia regionale del prossimo Ottobre, quanto alle prossime elezioni politiche nazionali ed amministrative locali. Il fatto che una persona impegnata socialmente e motivata politicamente se ne esca con una frase del genere non fa che confermare quanto, da tempo, registrano i sondaggi sugli umori elettorali degli italiani: tradizionalmente appannaggio del qualunquismo, l'astensionismo è ormai diffuso, in particolare, in quella che per brevità di analisi si definisce "sinistra". Come invertire tale declino della partecipazione democratica?
Nel Giugno scorso, un segnale in controtendenza rispetto al trend nazionale è venuto dalle elezioni comunali di Padova, vinte da una coalizione di centro-sinistra, che ha battuto il sindaco uscente considerato una "punta di lancia" della destra populista.
Tuttavia, anziché cercare di capire le ragioni profonde di tale vittoria, da più parti sono fioccati distinguo tesi a ridurre significato e portata di quanto successo.
Va da sé che ogni elezione locale fa storia a sé e non ci sono 'ricette' politiche valide sempre ed ovunque. Ma, forse, qualche approfondimento in più in tal senso non guasterebbe. È quel che ci siamo proposti di fare in questo incontro.

  • Marco Almagisti, docente di Scienza Politica all’Università di Padova, coordinatore dello standing group “Politica e storia" della Società Italiana di Scienza Politica (SISP), membro della Società per lo Studio della Diffusione della Democrazia (SSDD) e della Società Italiana di Studi Elettorali (SISE).
  • Giovanni Diamanti, consulente in comunicazione politica, nonché consulente di Sergio Giordani nelle elezioni amministrative padovane del Giugno 2017.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa - Terra Promessa; Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XX - Incontro n. 151Lunedì 5 Giugno 2017,  ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

I care: don Lorenzo Milani, oggi
A 50 anni dalla pubblicazione di Lettera a una professoressa, nonché della morte del priore di Barbiana, riflettiamo sull'attualità di quell'esperienza, che ha motivato intere generazioni ad impegnarsi nella chiesa, nella scuola, nella società, nella politica.

  • Domenico Simeone, docente di Pedagogia Generale e Sociale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; autore di varie pubblicazioni su don Milani.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa - Terra Promessa; Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XX - Incontro n. 150Lunedì 8 Maggio 2017,  ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

L'America di Trump
Isolazionista, protezionista, "sovranista"; anzi no - o, forse, sarebbe meglio dire: ma anche? -, interventista, neoliberista, "globalista"... Per molti, un ciarlatano, uno sbruffone. Che però incarna la speranza di tanti che si sentono esclusi dal "sistema" e che vogliono sentirsi dire proprio le cose che il presidente va dicendo; non importa di quante capriole, piroette, bluff egli si renda protagonista. Ritagliandosi addosso il mito dell'imprenditore "venuto-su-dal-niente", che è "altro" rispetto alla politica e per questo inviso ai partiti tradizionali, con l'occhio costante ai sondaggi ed un grande fiuto per gli umori profondi di chi l'ha votato, il presidente aizza l'opinione pubblica contro l'establishment, i burocrati, i migranti, gli islamici, gli ambientalisti... E, come da convenienza, in politica estera può trasformare gli "amici" in "nemici" nel tempo che impiega a scrivere un tweet. Mentre annuncia misure drastiche ed interventi epocali - dal muro alla frontiera con il Messico alla cancellazione dell'Obamacare, dal vertiginoso aumento delle spese militari ai tagli fiscali per le imprese -, senza fare i conti con il Congresso e la Federal Reserve. Riuscirà a far tornare "grandi" gli USA, come promesso? Per ora, l'importante per lui è che a questo "sogno" dai forti connotati reazionari credano in molti, dentro e fuori gli Stati Uniti.

  • Guido Moltedo, giornalista, direttore di Ytali.com, collabora con il manifesto, autore di saggi sugli Stati Uniti.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa - Terra Promessa; Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XX - Incontro n. 149Lunedì 3 Aprile 2017,  ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Con la disoccupazione, soprattutto giovanile, alle stelle, mentre molte famiglie fanno fatica a sbarcare il lunario, qualche settimana fa il Senato ha dato il via libera al disegno di legge delega per il contrasto alla povertà proposto dal governo: è stato così introdotto il Reddito di Inclusione, volto a garantire un sostegno economico a quelle famiglie che si trovano al di sotto della soglia di povertà assoluta, a partire dai nuclei con bambini. Ma, non mancano altre proposte, diverse nelle formule e anche nella sostanza, oltreché nei costi: si parla di reddito di cittadinanza, di dignità, minimo, universale, garantito...
Insomma, per vivere una vita dignitosa ci vogliono
lavoro e reddito
E perché essi siano strumenti di liberazione umana e non di mera gestione della povertà, un semplice sussidio o, peggio, un'opera di beneficenza, è bene capire cosa implichino le proposte menzionate. Abbiamo approfondito la questione con

  • Luca Santini, presidente del Basic Income Network - Italia, ha collaborato alla stesura della proposta popolare di legge per un reddito garantito in Italia; avvocato, ha pubblicato articoli e libri sul tema e sui diritti sociali connessi alle politiche di immigrazione.


In apertura
Aggiornamenti (su TTIP e altro) e due parole su vent'anni di pldm...

  • A cura di Marco Cantarelli

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa - Terra Promessa; Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XIX - Incontro n. 148Lunedì 6 Marzo 2017,  ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

NUVOLA PLDM 6MAR2017

Crepuscolo del Vecchio Continente?
A 60 anni dai Trattati di Roma che istituirono la Comunità Economica Europea, lo stato di salute della UE è sempre più precario, sottoposta com'è a spinte divergenti, disgregative e ostili di vario tipo. Servirebbe un rinnovato impegno europeista, ma... Intanto, a metà Marzo si vota in Olanda, in Aprile/Maggio in Francia, in Settembre in Germania; e in Italia?

  • Carlo Clericetti, giornalista economico; qui il suo blog

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa - Terra Promessa; Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XIX - Incontro n. 147Lunedì 6 Febbraio 2017,  ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

NUVOLA PLDM 6FEB2017

Medio Oriente e Trump: cosa cambia

  • Fulvio Scaglionegiornalista, editorialista di Famiglia Cristiana, è stato corrispondente da Mosca, da dove ha seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l’Afghanistan, l’Iraq e i temi del Medio Oriente; ha pubblicato i libri Bye Bye Baghdad (Fratelli Frilli Editori, 2003), La Russia è tornata (Boroli Editore, 2005), I cristiani e il Medio Oriente (Edizioni San Paolo, 2008).
Finestra sul cortile di casa

Fiera delle armi HIT Show: facciamo il punto
La terza edizione di HIT Show (dove HIT sta per Hunting, Individual Protection, Target Sports), in programma a metà Febbraio a Vicenza, punta a diventare, nelle parole dei suoi promotori, «l’appuntamento di riferimento in Italia e in Europa per il comparto armiero Made in Italy». Per molte associazioni vicentine - leggi qui - la promozione di armi di vario tipo - per la "protezione individuale", da caccia, sportive, escluse quelle di specifico impiego militare - si configura, piuttosto, come operazione di tipo ideologico, inammissibile in assenza di un’approfondita riflessione culturale e, soprattutto, di una precisa regolamentazione dell’evento fieristico. Nel Febbraio 2016, l’Amministrazione Comunale di Vicenza si è impegnata a farsi promotrice «presso Fiera di Vicenza dell’opportunità della predisposizione di un Codice di Responsabilità Sociale relativo all’evento HIT Show per l’edizione 2017, da condividere con i diversi portatori di interesse in una interlocuzione costruttiva che coinvolga le associazioni impegnate sul tema del controllo delle armi». Con quali risultati? Ne parliamo parlato con l'Assessora
  • Isabella Sala, delegata, fra l'altro, ai rapporti con le associazioni che operano per la pace.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa - Terra Promessa; Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

 

Locandine promemoria 2016

Anno XIX - Incontro n. 146Lunedì 5 Dicembre 2016,  ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Italia, Europa, Stati Uniti: the day after
All'indomani della consultazione referendaria sulla riforma costituzionale ci siamo interrogati sugli scenari politici che si prefigurano in Italia, ma anche nei rapporti fra Italia ed Unione Europea e, dopo l'elezione di Trump, in quelli fra Europa ed America. Nella consapevolezza che, comunque vadano le cose, nulla sarà uguale a prima...

  • Aldo Garzia, giornalista e saggista, collabora con il manifesto e ytali.com; fra i suoi ultimi libri: Olof Palme. Vita e assassinio di un socialista europeo ; Zapatero. Il socialismo dei cittadini ; Cuba, dove vai? ; Bergman the Genius.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa - Terra Promessa; Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XIX - Incontro n. 145Lunedì 7 Novembre 2016, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Parco della Pace: ecco il progetto

ParcoPace
Ne abbiamo parlato con: 
il Sindaco Achille Variati; i progettisti Benedetto Selleri, Franco Zagari, Giustino Moro, Claudio Bertorelli; 
rappresentanti di associazioni e cittadini

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XIX - Incontro n. 144Lunedì 3 Ottobre 2016, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Riforma costituzionale sotto la lente
Il quesito referendario del 4 Dicembre 2016 è senza dubbio cruciale: la Costituzione è - o dovrebbe essere - la Magna Carta che tiene insieme una nazione, quella “cosa” in cui un popolo si riconosce indipendentemente dai suoi orientamenti politici su tutte le altre materie. Per questo, è auspicabile che il tema sia sentito come di vitale importanza da tutti. Altrettanto comprensibile è che esso si presti a molteplici commenti, interpretazioni, analisi, come pure, spesso, a polemiche, tensioni e persino ingerenze, che però vanno aldilà dello specifico oggetto referendario e che, anzi, rischiano di oscurarlo o, quanto meno, lasciarlo sullo sfondo. Quali sono, dunque, e quanti sono gli articoli della Costituzione modificati dal Parlamento? Cosa dicono e, pure, cosa non dicono? Qual è la ratio che sottende le modifiche proposte? Quale Italia si sveglierà il giorno dopo il voto? Nel rispetto di tutte le opinioni al riguardo, abbiamo proposto una serata informativa, da un lato, e di confronto nel merito, dall'altro; com'è nel nostro stile, un servizio alla cittadinanza, volto alla comprensione della posta in gioco. Marco Cantarelli e Vladimiro Soli, del coordinamento del primolunedìdelmese, hanno facilitato il compito, anche con il ricorso alla multimedialità.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XIX - Incontro n. 143Lunedì 6 Giugno 2016, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Emergenza PFAS e altri veleni: dati e possibili rimedi

  • Lorenzo Altissimo, ex direttore del Centro Idrico di Novoledo (VI)

Guatemala, la marcia per l'acqua

  • Omar Jerónimo, leader del movimento indigeno maya-chortí

Servizio pubblico e gestione privata: a 5 anni dal referendum...

  • Angelo Guzzo, presidente di Acque Vicentine

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XIX - Incontro n. 142
Lunedì 2 Maggio 2016, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

TTIP: a che punto è il negoziato USA-UE

NUVOLA TTIP 4MAG2016 4

Nella segretezza che contraddistingue l'iter negoziale fin dal suo inizio, continuano le trattative fra Stati Uniti ed Unione Europea sul controverso Accordo di Partenariato Transatlantico per il Commercio e gli Investimenti (Transatlantic Trade and Investment Partnership: TTIP, nell'acronimo in inglese). La "nuvola di parole" (vedi sopra) dà un'idea della complessità della questione e di quale sia la posta in gioco: in breve, il TTIP riguarda praticamente tutte le sfere della nostra vita sociale, lavorativa, economica, culturale, che la globalizzazione neoliberista intende assoggettare alla sua logica. Farlo passare per un semplice - si fa per dire - accordo di libero scambio commerciale è, dunque, quanto meno riduttivo. Obiettivo di tale trattato è, inoltre, ridisegnare sfere di influenza e alleanze internazionali. La mancanza di trasparenza e l'ignoranza al riguardo in cui viene mantenuta l'opinione pubblica è funzionale alla volontà di "non disturbare il manovratore" in questa fase cruciale del negoziato, che i fautori dell'accordo vorrebbero chiudere entro l'anno. Ma la materia è troppo delicata per lasciarla nelle mani di pochi.

  • Monica Di Sisto, portavoce della campagna STOP TTIP Italia, giornalista, vicepresidente di Fairwatch, docente di Modelli di Sviluppo Economico alla Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana di Roma.

Nell'incontro sono state illustrate le iniziative della campagna a livello europeo ed italiano, e raccolte adesioni per la manifestazione nazionale di Sabato 7 Maggio 2016, a Roma.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XIX - Incontro n. 141Lunedì 4 Aprile 2016, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Il "mal d'Europa" e il sogno di Ventotene
La crisi dell'Unione Europea mai è stata così evidente e drammatica come oggi: dalle politiche economiche alla questione migranti, dalla Brexit alla Grecia, dalla mancanza di coordinamento nella lotta al terrorismo alla sua ininfluenza nelle tante crisi internazionali, dai populismi alle destre estreme che la attraversano, dall'apparente assenza di anticorpi in grado di contrastare le tendenze disgregative ai crescenti dubbi se valga la pena continuare a farvi parte e a quali condizioni...

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XVIII - Incontro n. 140Lunedì 7 Marzo 2016, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

La Siria e la Terza Guerra Mondiale
Gli scenari bellici. Il dramma dei profughi. Chi combatte (davvero) lo Stato Islamico, chi fa finta di farlo, chi lo finanzia e arma, chi se ne serve. La posta in gioco nel negoziato. Il ruolo dell'Europa e, in particolare dell'Italia, nelle crisi mediorientale e nordafricana.

  • Umberto De Giovannangeli, inviato speciale de l'Unità, segue da 25 anni le vicende mediorientali e la politica estera italiana, su cui ha scritto vari saggi, tra cui l'ultimo Medio Oriente in fiamme, L'asino d'oro edizioni, 2015 (estratto). Collabora anche alla rivista di geopolitica Limes.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Anno XVIII - Incontro n. 139Lunedì 1 Febbraio 2016, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Politica, corpi intermedi, territorio
La crisi della forma partito e della rappresentanza. L'ascesa di populismi di ogni risma, in Italia ed Europa. La "supplenza" esercitata dai movimenti sociali, ma anche la loro "insufficienza" per cambiare lo "stato di cose presenti". Rete, media e partecipazione. L'urgenza di formare una nuova leadership, oltre la disaffezione.

  • Marco Almagisti, docente di Scienza Politica all’Università di Padova. Coordina lo standing group “Politica e storia" della Società Italiana di Scienza Politica (SISP); membro della Società per lo Studio della Diffusione della Democrazia (SSDD) e della Società Italiana di Studi Elettorali (SISE). Ha da poco pubblicato il volume Una democrazia possibile. Politica e territorio nell'Italia contemporanea, Carocci, Roma, 2016.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo; CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme).

Locandine promemoria 2015

 

Anno XVIII - Incontro n. 138Lunedì 14 Dicembre 2015, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Parigi 2015: COP21-CMP11

nuvola clima dic2015

Che tempo farà
Un misto di speranze, ansie, timori, cautele accompagna la conferenza sul clima in corso a Parigi. Non potrebbe essere diversamente: ne va del futuro del pianeta! All'indomani della sua conclusione, cercheremo di tracciare un bilancio a caldo dei suoi risultati, dalla viva voce di una testimone diretta del cruciale evento:
  • Veronica Caciagli, co-fondatrice e presidente dell'Italian Climate Network, si occupa di giornalismo ambientale, comunicazione web, in particolare di social network; ha lavorato in campo diplomatico (in ambito climatico ed energetico) e collaborato a progetti per la riduzione delle emissioni di CO².

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (coordinamento); CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Anno XVIII - Incontro n. 137Lunedì 2 Novembre 2015, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Conflitti e armi fuori controllo: oltre le politiche dell'insicurezza
Da Andreotti a Renzi: un bilancio a 25 anni dall'entrata in vigore della legge n. 185/1990 sul controllo dell'import/export di armi e sistemi militari. La questione trasparenza. Se il Mediterraneo e il Medio Oriente sono una polveriera, perché l'Italia getta benzina sul fuoco, fornendo armamenti a Paesi in conflitto?

Finestra sul cortile di casa

HIT Show a Vicenza e la "cultura delle armi"

  • Giorgio Berettaanalista dell'Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere (OPAL) di Brescia e della Rete Italiana per il Disarmo, redattore di Unimondo e coordinatore della campagna di pressione alle "banche armate".

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (coordinamento); CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Anno XVIII - Incontro n. 136Lunedì 5 Ottobre 2015, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

NUVOLA 5OTT2015

TTIP: facciamo il punto
Interessa direttamente quasi un miliardo di persone, metà del Prodotto Interno Lordo mondiale e un terzo del commercio su scala planetaria. Eppure, dell'Accordo di Partenariato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti (Transatlantic Trade and Investment Partnership), fra Stati Uniti ed Unione Europea, si continua a sapere poco o niente, dal momento che i negoziati, che riprenderanno in Ottobre, restano avvolti nel mistero. Molte sarebbero, comunque, le questioni ancora irrisolte, tra cui quella del meccanismo di risoluzione delle controversie tra investitori e Stati (ISDS), su cui la Commissione Europea ha avanzato, a metà Settembre, una nuova proposta, che recepisce le raccomandazioni votate dal Parlamento Europeo nel Luglio scorso, ma che sembra scontentare tanto gli Stati Uniti, che la vedono come fumo negli occhi, quanto gli oppositori all'accordo.
Intanto, la campagna europea STOP TTIP lancia una settimana di mobilitazione, ai primi di Ottobre, per superare quota 3 milioni di firme - ne sono già state raccolte 2,75 milioni - e far uscire dall'ombra anche gli altri trattati: il TPP, 'gemello' per l'area del Pacifico; il CETA, l'accordo fra Canada e Unione Europea; e il TISA, il negoziato per la liberalizzazione completa dei servizi.

  • Monica Di Sisto, giornalista, vicepresidente di Fairwatch, docente di Modelli di Sviluppo Economico alla Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana di Roma.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (coordinamento); CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Anno XVIII - Incontro n. 135Lunedì 8 Giugno 2015, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Migranti, profughi, rifugiati
Il dilemma accoglienza/respingimenti: quel che si fa e ciò che non si fa; cosa si può fare e cosa no; quel che si deve fare e, invece, non si fa; cosa si potrebbe o dovrebbe fare... A livello italiano, ma, soprattutto, europeo.

  • Chiara Favilli, docente di Diritto dell’Unione Europea all'Università di Firenze. Collabora con l'Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI). Autrice di varie pubblicazioni sulle politiche dell'Unione Europea in materia di immigrazione e asillo: qui un suo recente articolo.

Finestra sul cortile di casa

La situazione nel Vicentino

  • A cura di Marisa Zamberlan del Centro Astalli di Vicenza.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (coordinamento); CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Anno XVIII - Incontro n. 134Lunedì 4 Maggio 2015, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

NUVOLA 4MAG2015

Petrolio e crisi globale: un intreccio pericoloso
Nella cosiddetta Terza Guerra Mondiale in atto, la questione dell'approvvigionamento energetico riveste un'importanza cruciale. La decisione di pilotare al ribasso il prezzo del crudo, fortemente voluta dall'Arabia Saudita in seno all'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio nel Novembre scorso, sta sconvolgendo il mercato petrolifero; beneficiando, nonostante tutto, alcuni Paesi e provocando il collasso di altri; spingendo fuori mercato le fonti rinnovabili; obbligando un po' tutti i governi a ripensare le proprie politiche energetiche; ridefinendo alleanze internazionali, a volte inconfessabili; ridisegnando la geopolitica della crisi. Insomma, petrolio in abbondanza e a buon mercato non significa che tutto vada per il meglio, anzi! Cosa c'è dietro tale scelta? Quali sono i suoi obiettivi? Quando e come finirà?

  • Demostenes Floros, esperto del settore, analista geopolitico per la rivista Limes, docente al Master di 1° Livello in "Relazioni internazionali di impresa: Italia-Russia (Modulo: Energia)" dell’Università di Bologna.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (coordinamento); CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Anno XVIII - Incontro n. 133
Lunedì 13 Aprile 2015, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

Sicurezza, controllo, libertà
Gli errori dell'Occidente in Medio Oriente e Nord-Africa hanno favorito, anziché frenato, la diffusione del fondamentalismo islamista armato. La sottovalutazione della minaccia terroristica in Europa, aggravata dal mancato coordinamento degli apparati repressivi, ha fatto il resto. La crisi dei "modelli" di integrazione, tanto quello francese come quello inglese, e le crescenti difficoltà in Europa nel forgiare una società multiculturale. Quali risposte innovative e democratiche dare in questo critico contesto per non cedere alla paura, all'intolleranza, alla rassegnazione.

  • Francesco Strazzari, nato a Bologna (1970), è professore associato di scienza politica presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento, di Pisa. Inoltre, è ricercatore presso l'Istituto Norvegese di Affari Internazionali (NUPI), di Oslo, consorzio di ricerca sulla criminalità internazionale ed il terrorismo. Ha insegnato relazioni internazionali anche presso The Johns Hopkins University, di Bologna, e il Dipartimento di scienza politica dell’Università di Amsterdam. Ha collaborato con vari istituti di ricerca europei e nordamericani. È specializzato in studi di sicurezza, conflitti armati, geopolitica e criminalità organizzata transnazionale, avendo all’attivo anche numerose attività di training e consulenza per personale impiegato in missioni internazionali. Qui la sua pagina personale.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (coordinamento); CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Anno XVII - Incontro n. 132
Lunedì 2 Marzo 2015, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

NUVOLA PLDM 2MAR2015

La Grecia, il debito e noi: qual è la posta in gioco?

  • Vincenzo Comito, economista, ha insegnato finanza aziendale all'Università di Urbino e lavorato per molti anni nei principali gruppi industriali italiani; autore di numerosi saggi in materia, è tra i promotori di Finanza Solidale e collabora con la campagna Sbilanciamoci!.

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (coordinamento); CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Anno XVII - Incontro n. 131
Lunedì 2 Febbraio 2015, ore 20:30, presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

La revolución di papa Francesco
L'apertura ai movimenti popolari del Sud come del Nord del mondo, riuniti di recente in Vaticano. La lotta per la Pace e in difesa dell'Ambiente. Gli sforzi per propiziare dialogo e negoziato nella crisi mediorientale. La mediazione fra Cuba e Stati Uniti. La beatificazione del vescovo salvadoregno Romero, simbolo dei poveri latinoamericani. La nomina di nuovi cardinali, con occhio di riguardo alle 'periferie' più che al 'centro'. I rapporti con le chiese d'Oriente e l'ecumenismo. Le questioni etiche. I problemi con la Curia, gli scandali, la ristrutturazione dello IOR... Quanto basta per far venire il 'maldipancia' a quei 'cattolici medi', cui lo scrittore Vittorio Messori ha inteso dare voce, di recente, sul Corriere della Sera. A due anni dal suo insediamento, l'agenda di Bergoglio interroga tutti perché, comunque vada, a cambiare non sarà soltanto la Chiesa Cattolica.

  • Claudia Fanti, giornalista dell'agenzia ADISTA

Finestra sul cortile di casa
Armi in bella mostra a Vicenza: anche per i bambini?
Si svolgerà a metà Febbraio, alla Fiera di Vicenza, HIT SHOW 2015, dove HIT sta per Hunting, Individual Protection, Target Sports; vale a dire, un'esposizione di armi da caccia e sportive, ma anche destinate alla "protezione individuale". Ma, come confondere armi sportive e venatorie con quelle destinate alla difesa personale? Eppoi, i padiglioni che le esporranno saranno accessibili anche ai minori?

Promosso da: Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (coordinamento); CGIL; CISL; LEGAMBIENTE; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Lettera ai sostenitori del pldm

Salve,

non crediamo sia necessario ricordarti il ruolo che da 18 anni il primolunedìdelmese svolge a Vicenza. In questo periodo, il pldm (abbreviato) ha offerto alla città un dibattito costante e approfondito sui temi di maggior rilievo politico-sociale, ha promosso numerose attività formative, ha diffuso temi ed esperienze in sedi istituzionali, scuole, sindacati, ecc.. Infine, ha saputo essere un luogo di apprendimento per giovani, e meno giovani, che hanno potuto maturare una visione delle cose capace di arricchire la loro attività di lavoro o di volontariato [1].
A lungo, questa nostra azione è stata sostenuta da un variegato fronte di associazioni, che trovavano nel pldm un luogo di confronto, condivisione, arricchimento reciproco. Il destino dei movimenti, si sa, è soggetto ad alterne vicende politiche. Progressivamente molte di queste esperienze si sono affievolite, magari prendendo altre forme, ma ciononostante esse hanno continuato ad affidare al primolunedìdelmese il compito di mantenere viva una riflessione che faccia da ponte tra passato e futuro.
Forse, non serve segnalare che tutte le nostre attività si sono sempre svolte in regime di ristrettezza economica, pur confezionate con l’eleganza di una semplicità francescana. Certamente abbiamo contato molto sulle forze volontarie, sulla generosità dei membri dell’associazione promotrice, sull’intelligente impiego di tutte le risorse che potevano dare continuità al nostro lavoro. Insomma, se vuoi fare un bilancio del nostro impegno, come facciamo abitualmente noi, crediamo tu possa essere indulgente sui nostri limiti, soprattutto tenendo conto della diffusa sordità dell’ambiente che ci circonda.
Siamo all’inizio di un nuovo anno e vogliamo approfittarne per invitarti a partecipare ancora alle iniziative che programmeremo in questo 2016. Come sempre è ben accetta un’attenzione critica, che ci aiuti a fare meglio e con più passione la nostra attività. Mentre rifletti su questo, vorremmo anche avanzarti una richiesta: l’anno che inizia si prospetta particolarmente insidioso per le nostre esigue risorse economiche e vorremmo rivolgerci a tanti come te per proporvi di divenire sostenitori del primolunedìdelmese. Per questo, ti chiediamo di valutare la possibilità di sostenerci con un contributo economico [2], in modo da meglio affrontare le sfide che ci impegneranno nei prossimi mesi.
In ogni caso, ti ringraziamo dell’attenzione e salutiamo cordialmente.

(Seguono una ventina di firme di amici del primolunedìdelmese)

Vicenza, 26/1/2016

[1] Per un ripasso della nostra esperienza, vedi qui.
[2] Può essere versato sul conto corrente postale/bancario 000036824365, intestato a ANS-XXI, via Riviera Berica 631, 36100 Vicenza; codice IBAN: IT79 X076 0111 8000 0003 6824 365. Oppure, consegnato in contanti ad un nostro incaricato in uno dei prossimi incontri: sarà rilasciata ricevuta. Il codice fiscale per destinare il 5 per Mille è: 94039370369. Per saperne di più, qui e qui.

STATISTICHE

Oggi110
Ieri150
Questa settimana110
Questo mese4827
Totale7022289

Ci sono 25 utenti e 0 abbonati online

INGRESSO UTENTI

Se non hai le credenziali per accedere all'area riservata del sito, puoi richiederle tramite il modulo che trovi qui. Se le hai dimenticate, clicca sotto alla domanda corrispondente.

VERSAMENTI E DONAZIONI

Bastano pochi clicks, in totale sicurezza!

Importo: