«Abbiamo fatto germinare le nostre idee per imparare a sopravvivere in mezzo a tanta fame, per difenderci da tanto scandalo e dagli attacchi, per organizzarci in mezzo a tanta confusione, per rincuorarci nonostante la profonda tristezza.
E per sognare oltre tanta disperazione.»


Da un calendario inca degli inizi della Conquista dell'America.
  • slide01.jpg
  • slide02.jpg
  • slide03.jpg
  • slide04.jpg
  • slide05.jpg

NICARAGUA / La resistenza contro la strategia del terrore

Prosegue la nostra cronaca dell'insurrezione civica iniziata nello scorso Aprile: in quest'articolo, analizziamo gli eventi occorsi nel mese di Giugno. Daniel Ortega continua afferrato al potere e, pur di non cedere, ha optato per la strategia del terrore, con conseguente aumento dei crimini commessi dalle forze a lui leali in tutto il Paese. Tuttavia, si avvertono i primi segnali che il mondo comincia a rendersi conto di quanto stia accadendo in Nicaragua: tale consapevolezza è essenziale perché la lotta dei nicaraguensi abbia successo. In ogni caso, il Paese non tornerà più alla “normalità”, a com'era prima del 18 Aprile, come pretenderebbe Ortega a fucilate...

Traduzione e redazione di Marco Cantarelli.

Da quando, il 30 Maggio, il regime ha sparato sulla folla convenuta per la manifestazione della Giornata delle Madri, la lotta civica ha dovuto fare i conti con la strategia del terrore scelta da Ortega per soffocare la ribellione. Forze di polizia e paramilitari si sono scatenate in tutto il territorio nazionale, provocando morti e feriti, catturando e arrestando illegalmente quanti, a quella data, risultavano aver partecipato “alle proteste” o “ai posti di blocco”.

Leggi tutto...

STATISTICHE

Oggi126
Ieri183
Questa settimana309
Questo mese2888
Totale7074837

Ci sono 46 utenti e 0 abbonati online

VERSAMENTI E DONAZIONI

Bastano pochi clicks, in totale sicurezza!

Importo: